mercoledì 10 luglio 2013

riflettendo/ 2

che nella vita bisogna saper fare un passo indietro, ok. ma soprattutto bisogna saper andare avanti. che tutti lo fanno, ma alcuni si bloccano. io no. mai. anche sola, se serve. anche criticata, giudicata e a volte rimproverata. ma non mi sono mai fermata. pensavo, credevo di dover camminare ancora una volta da sola. ho avuto paura, stavolta. che sono stanca. ma non lo davo a vedere. che io quando sto male sono come le tigri. non voglio nessuno vicino. mi lecco le ferite e sorrido.che i miei figli sono li, che mi fissano, troppe volte hanno visto le lacrime. e quando prendo una strada la imbocco decisa. e io la mia strada l' avevo imboccata. poi sei tornato. " cosa vuoi?" " te" mi hai risposto. e io ti ho fatto spazio vicino a me. ancora una volta. stavolta però la strada la decido io e hai annuito. bentornato amore mio.

26 commenti:

  1. La forza è questa. Quella di rimettersi in gioco. Quella di cambiare pelle e preparare la nuova a ciò che sarà.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che penso spesso di non avere più forza io, di essere troppo stanca. Mi stupisco sempre un po' poi di quali decisioni riesco a portare avanti. Ciao mia Mare.

      Elimina
  2. dicono sia forte chi resiste...
    io so che per quanto sia duro il vetro, se lo butti a terra si rompe.
    la palla è a suo modo morbida... ma prova tu a distruggerla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella riflessione, acciughina. Quasi quasi mi sento una palla...di vetro!

      Elimina
  3. tu sei forte e ti ammiro tanto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma io non sono forte! Sono come te...solo molto più vecchia e quindi con più esperienza. Tutto qua. <3<3<3

      Elimina
  4. Ciao Megghi!
    Eco brava patti chiari,decidi un po tu quale strada percorrere che magari ha sentieri più' fioriti né
    Ti voglio bene tesoro bello! Baciotti
    Tutto bene il fagiolino? :))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiii pare sia una fagiolina..un'altra femmina a casa!! Grazie tesorissimo, anche io ti voglio bene,<3<3<3<3

      Elimina
  5. La forza è anche questo. Essere in grado di fare di nuovo spazio a qualcuno che se n'era andato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto é che lui qui da me lo spazio ce l' ha. Lui é la persona che amo di più con i miei figli, ma siamo completamente diversi. Vediamo le cose da due punti di vista diametralmente opposti...e ogni tanto ci scontriamo..ma ci amiamo..si.

      Elimina
  6. Avevo letto RIFLETTENDO e avevo capito che volevi dì. Me so detto: cià litigato e mo se pente, sta stronza.
    Poi ho letto RIFLETTENDO 2 e me so detto: a Mariagrà, te possinammazzatte!
    Ai fatto bene ai fatto, ma te se fatta fregà. A Mariagrà io so omo e mo te dico come raggiona n'omo.
    L'omo se ncazza, sbatte la porta e se ne va, ma poi se trova solo e dice "cazzo e mo che fo?" Trovasse n'antra? Troppa fatica e poi je vojo bene a questa. Però mo come la metto?
    Allora fa er gran passo: torna e sona a la porta. Lei apre e lui la guarda senza parlà. Mo mica ponno sta lì pe du ore, si lui nun parla sta sicuro -lui lo sa che la conosce bene- che lei parla. E che fa? Chiede: "Che sei venuto a fa?" e lui je risponnerebbe "pe vedette a te". Ma se lei chiede "Che voi" risparambia er fiato e dice na parola sola, FATIDICA, na parola che adè na martellata. "TE" e sta sicuro che lei crolla come na cojona a li piedi sua, perché è proprio quello che se voleva sentì dì.
    Hai capito mo come funziona?
    Io ciò sarvato er matrimonnio mio na decina de vorte. Semo esperti de donne, voio dì che nun ce capimo un cazzo, ma però sto debbole vostro l'avemo capito subbito, da piccoli quanno avevemo visto fallo a papà co mamma. Ha sempre funzionato, famme provà puro a me.
    Te saluto Mariagrà, te voio bene, ma te darebbe un mozzico su la capoccia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Er fatto vero é che si nun é facile pe voi sta insieme e ce state da cinquant'anni, figurete pe noi co tutti l' annessi e connessi. Venimo da storie diverse, c'avemo l' età e l' abitudini nostra..nun é cosa facile.

      Elimina
    2. Qui te devo da dà raggione: quanno ce se ncontra nun tanto giovanottelli e ragazzotte nun è la stessa cosa, ma però se dà deppiù, cor core, perché la vita la conosci la sai apprezzà, dico, ciai l'esperienza tua, lui cià la sua ma l'amore nun è maschio né femmina è de tutti e forse a na certa età se sente la passione deppiù. Coreggime si me sbajo.
      Mariagrà, tu ciai un core grosso come er Colloseo, te meriti n'omo che te vole bene sur serio, si l'hai trovato tiettelo stretto, litighece, tireje li piatti e li bicchieri ma nun te lo fa scappà e si lui torna e te dice quer "TE", spalanca la porta perché quarche vorta è na gran fatica dilla quela parola, è na gran fatica tuppià a quela porta, sente ammé.
      Ciao Mariagrà.

      Elimina
    3. Io a te nun te correggerei manco si stassi a di na manica de cazzate, figurete se dichi cose giuste! Hai centrato appieno li fatti, come er solito mastro Vincè, l' amore, la passione, la fregola chiamamola come volemo, me lega a Gaetano come poche vorte m'é successo. E si pure litigamo, e ce so delle vorte che penso sia l' urtima vorta...poi nun gliela famo a sta troppo tempo lontani. E si é difficile pe me aprì la porta è ancora più difficortoso pe lui...ce lo so. Grazie, Vincè. Te l' ho già detto ma to ripeto..sei er papà che me manca.

      Elimina
    4. Lo leggo oggi e arivato a lurtime parole me so fatto vennì er magone grosso.
      Io so er papà che te manca e me dispiace propio, ma io so papà pe davero e ciò na fia che sta nmezzo an guaio co l'omo suo der cazzo. Ciai voia a dije che nun è cosa che lo deve da lassà per bene suo, pe facce dormì a la notte a me e a su madre, ma lei nun ce la fa. Lui butta li sordi ner fumo nell'arcol e ner gioco.
      è capace de piasse lo stipendio e de lassalla senza na lira e annasse a giocà tutto, e poi ariva a casa mbriago e strilla e sbatte li cazzotti su le porte -fino a mo su le porte e no su la capoccia de lei fino a mo ma fino a quanno?- e poi lo devono da sentì tutti e lei se vergogna ma intanto er frigorifero è voto e c'è da pagà l'affitto e allora ce so mamma e papà. E questo tutti li giorni o quasi.
      Ecco me veniva da piagne a legge quela frase tua, me veniva da piagne.
      Famo cambio ho pensato.

      Elimina
    5. Oddio Vincè, che dispiacere! Pe lei, pe te e pe tu moje..mo er magone me l' hai fatto venì davero..mo si c'era dabbisogno t'ammiro de più, che co sto dolore drentro ar petto, riesci sempre a scrive e dì parole belle assai. Te auguro de tutto core che tu fija rinsavisca e che riuscite a libberavve de sto stronzo, l' unico posto ndo se merita de sta è na latrina, no accanto a voi. Te vojo bene davero come fossi mi padre..

      Elimina
    6. Io te vorebbe fa sentì batte er core mio vicino ar tuo, come fusse propio quello der tu padre, credime io ce l'ho sta sana propenzione, puro co Sirvia la sento come na fijarella mia, puro si quarche vorta saribbella e marimbarza, ma poi me lasso trasportà dar core e dico, li fij so tutti così, se scordeno ndo sei, ma poi te vonno bene e te lo fanno sentì. Io sento er bene che me voi tu e ringrazio er padreterno che me taffatto ncontrà.
      Riposete e riconsolete co Gaetano tuo che me paresse na persona bona, che te vo bene e che se merita che je voi bene tu.
      Ciao Mariagrà, bona domenica.

      Elimina
    7. Ecco. Mo mi si fatto piagne! Contento? :-)

      Elimina
  7. Passi avanti, passi indietro, giravolte, stop...la vita è un meraviglioso tango.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tango è in assoluto il ballo che più amo. Non so ballarlo ma mi incanto a guardare, quindi hai fatto un paragone che mi garba assai. grazie..

      Elimina
    2. quindi l'hai accolto in completo nero e una rosa rossa in bocca?
      :)

      Elimina
    3. Completo nero e lupara. :-)

      Elimina

dì la tua..